Surrealismo

Figurazione fantastica e surreale 

La figurazione di Antonio Lanotte si muove nell’ambito di quella pittura surreale e fantastica che prende le distanze dalla riproposizione del reale fine a se stesso, esprimendo Pensieri e riflessioni proprio sul reale o ciò che si ritiene reale, ossia sulle problematiche dell’essere e del vivere di oggi, da quelle sociali a quelle individuali, espresse con forza persuasiva e coinvolgente dell’inconscio, immaginazione ed ironia. Il linguaggio pittorico è quel “Melange optique” caro a George Seurat e poi Paul Signac che da forma ad una valenza luminosa attraverso la tecnica pointillisme riuscendo ad ottenere  una maggior luminosità proprio della mescolanza ottica anziché quella dei pigmenti dei colori. 

Una sfida alla rappresentazione della forma pittorica surreale, a certe convinzioni di voler esprimere queste tematiche con forme quasi fotografiche, iperrealistiche. 

Non si può dimenticare che il Surrealismo non nasce fuori di noi, o dalla precisissima forma delle cose,  ma nasce da dentro di noi, dal nostro inconscio, da una dimensione della nostra Mente sulla quale non si può razionalizzare, imbrigliandola con delle fredde catene della razionalità. 

Questi dipinti surreali qui esposti, non sono altro che un tentativo di esprimere questo modo personale di vedere e concepire l’Arte. 

Per gli amanti del figurativo real-proiettivo ,alla bella maniera possono visitare la Pagina dedicata alle creazioni e riproduzioni. 

Filtri Ricerca

Visualizzazione di tutti i 11 risultati

Questo sito web usa i cookies per migliorare la user experience. Usando il nostro sito acconsenti alle nostre policy sui cookie. Clicca qui per saperne di più